PELLE AVITAMINICA

Organo fondamentale, la pelle è sede di un intenso lavoro biochimico, per questo motivo richiede l’apporto costante di molteplici nutrienti. Fra questi un ruolo di primaria importanza lo rivestono le vitamine.
 Tra le più importanti per la cute vi sono la A, la E e la C, seguono la F e quelle del gruppo B. La vita frenetica dei nostri giorni che ci porta, più o meno costantemente, a saltare i pasti, sottoporci a diete sbilanciate, l’assumere farmaci interferenti, particolari fasi della nostra vita (crescita, gravidanza, allattamento, menopausa e terza età); lo stress in generale ed, in particolare, lo stress ossidativo da radicali liberi, dovuto ad inquinamento, fumo, attività fisica intensa, alcool, esposizione ai raggi solari, infiammazioni e altro, possono portare a carenze, più o meno marcate, di questi elementi così “indispensabili”.

Il rapporto che esiste fra vitamine ed un buono stato di salute della pelle fa parte della storia della medicina ed è ormai stato confermato da tempo.
 Oggi, esistono prove che dimostrano come le vitamine, opportunamente veicolate, possano essere utilizzate anche mediante l’applicazione topica.
 Grazie ad una migliore conoscenza della fisiologia cutanea e alle nuove tecnologie nel campo dei “biological carriers” (vettori biologici) è, infatti, considerevolmente aumentato l’interesse per questi preziosi elementi.

Test clinici e di laboratorio hanno dato ampia ed evidente prova che le vitamine applicate topicamente, se utilizzate in giuste concentrazioni, giocano un ruolo determinante nei processi difensivi, rigenerativi e di rinnovamento della cute.
 Molti studi hanno evidenziato il vantaggio dell’utilizzo topico delle vitamine per combattere e prevenire diversi squilibri della pelle, specialmente i cambiamenti degenerativi associati con il processo d’invecchiamento, come la disidratazione, l’atonia e la formazione di rughe.

pelle avitaminica MEDIUM

Qual è il modo migliore quindi per prenderci cura della pelle durante l’estate?

L’esposizione intensiva ai raggi UVA UVB nel periodo tra maggio e giugno comporta la formazione di radicali liberi portando di conseguenza a quello che chiamiamo stress ossidativo: questo processo provoca nel tempo danneggiamento del DNA e quindi morte cellulare, solo degli agenti ad azione antiossidante garantiscono l’inattivazione dei radicali liberi. Sono proprio le vitamine a possedere il più elevato contenuto di antiossidanti in natura. Dunque è proprio in estate che dobbiamo garantire alla nostra pelle elevate concentrazioni di vitamine, sia a livello topico con i cosmetici più opportuni, sia con l’alimentazione. Inoltre, come meccanismo di difesa dai raggi solari la pelle tende ad ispessire lo strato corneo e a produrre più melanina.

Durante la stagione estiva la pelle tende ad ispessirsi, risposta protettiva contro lo stress indotto dai raggi solari, l’ispessimento cutaneo dello strato corneo determina al termine della stagione estiva una pelle più ispessita e disidratata caratterizzata, che porta con sé anche un’alterazione del film idrolipidico e del pH, le nostre due naturali barriere di difesa dall’ambiente esterno. Tali alterazioni provocano inoltre l’ostruzione degli sbocchi dei canali pilosebacei e sudoripari creando inoltre microfessurazioni con una conseguente evaporazione eccessiva di acqua e penetrazione di virus e batteri.

In primo luogo è bene adottare una corretta igiene estetica partendo da un’esfoliazione dello strato corneo abbinata ad una corretta detersione della pelle, così da andare a ripristinare gli equilibri di film idrolipidico e pH. Preziose alleate di bellezza contro lo stress ossidativo sono le vitamine: l’uso topico di queste ultime infatti aiuta a prevenire i diversi squilibri della pelle, specialmente i cambiamenti degenerativi associati al processo di invecchiamento come la disidratazione, l’atonia e la formazione di rughe.

Testo a cura della Dott.ssa Chiara Gargantini

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze.